Un negozio diventato un e-commerce: Elena Fashion.

Oggi vi voglio parlare di un negozio diventato un e-commerce: Elena Fashion.

 

A pochi chilometri dal mio paese c’è un negozio che vende degli abiti straordinari: Elena Fashion!

 

L’ho notato perché è in una delle vie principali di San Vito dei Normanni, perché ha delle vetrine bellissime e perché ha dei brand davvero molto raffinati.

Qualche mese prima del matrimonio di una mia carissima amica mi sono finalmente procurata una scusa, diciamo così, per entrare in quel negozio pieno di abiti bellissimi. Ho subito visto un capo di abbigliamento in vetrina che poteva andare bene con i miei gusti e con il mio stile.

 

Entro non senza emozione: da fuori non si vede tutto il negozio e non sapevo cosa aspettarmi. Il negozio è molto grande, su due piani e all’interno è allestito ad aree: ogni area appartiene ad un tipo di abbigliamento diverso.

 

Una parte dello shop è dedicata all’abbigliamento donna, un’altra parte interamente dedicata all‘uomo, poi nel piano inferiore c’è la parte dedicata alla moda mare, intimo, al tessile per la casa e infine c’è anche una parte dedicata all’outlet.

Una volta dentro al negozio, chiedo di poter provare l’abito in vetrina. Lo provo ed effettivamente è un abito che mi piace davvero tantissimo e mi sta anche bene. Tutto ad un tratto mi faccio prendere dalla FOMO: posso acquistare questo abito già scelto e provato, ma forse sto perdendo la possibilità di comprare qualcosa di più bello o più adatto, come fare?

La proprietaria del negozio, la Sig.ra Elena, forse intuendo il mio stato di indecisione ed eccitamento, si avvicina e con garbo mi coinvolge in un tour del negozio: mi spiega le caratteristiche dei vari abiti, degli accessori, delle borse e delle calzature presenti in negozio, mi dice che l’abito che desidero acquistare è molto particolare nei tessuti e nella lavorazione, mi dice che è un abito molto leggero e che si adatta al corpo

 

.elena fashion

Entriamo in confidenza e iniziamo a parlare del mio lavoro nel mondo dei social network, lei subito mi dice che anche loro hanno un e-commerce e che sono presenti su tutti i canali social.

 

Fantastico penso tra me. Entriamo così in sintonia.

 

elena fashion 2

 

Poi si gira versa un’altra cliente: << Maria non si senta trascurata, vedo che sta guardando la collezione di Pianurastudio, non ha mai preso nulla di suo prima d’ora, vero ? >> E’ chiaramente una domanda retorica: la proprietaria conosce a memoria gli acquisti delle sue clienti, e improvvisamente voglio avere anche degli acquisti che lei possa ricordare.

Esco da lì con un abito straordinario: lo indosserò con fierezza, e con gioia racconterò alle mie amiche la mia esperienza in questo negozio fantastico.

Penso a tutte le persone che conosco che fanno il loro lavoro con cura e dedizione come la proprietaria di questo negozio, e penso che uno dei motivi della mia felicità è aver pagato il giusto. Si, il giusto.

L’abito non è più un abito costoso e intoccabile, ora ho un contesto: so perché ho speso quei soldi, e francamente se lo stesso abito fosse costato di meno avrei rischiato di indossarlo con meno gioia.

 

elena fashion 55

 

Per la prossima ricorrenza utilizzerò sicuramente l’e-commerce così avrò la qualità, al giusto prezzo e a portata di clic. 😉

Proprio il negozio che fa per me!!!

 

Se la cura va raccontata, il suo prezzo ha il suo perché.

 

 

 

 

Postpickr: creazione, pubblicazione e programmazione su più social

PostPickr è un nuovo tool editoriale (tutto italiano…tutto pugliese <3) che aiuta Social Media Manager, professionisti ed imprese a gestire in maniera efficiente ed efficace la comunicazione sui social network. Io l’ho provato personalmente qualche settimana fa e sono rimasta sbalordita dalla semplicità di utilizzo. Di tool ne avevo provati tanti (facendo la Social Media Manager è normale!!!) ma Postpickr mi ha conquistata!

 

 

Si tratta di un’applicazione web che permette di gestire i canali social contemporaneamente.

 

postpickr mammantonella

 

 

PostPickr ha un approccio del tutto innovativo rispetto ad altri famosi tool (tipo Hootsuite, Buffer, etc…): la comunicazione viene gestita seguendo i flussi di un tipico piano editoriale e permette quindi di:
• gestire progetti editoriali diversi per ciascun brand, campagna o attività che si vuole gestire;
• coinvolgere diverse persone (team) per la gestione collaborativa di singoli progetti;
• creare contenuti con testo, immagini, video e links (ha anche un sistema automatico per abbreviare le url), anche geolocalizzati o targettizzati;

• programmare un palinsesto di pubblicazioni organizzato per rubriche ed argomenti;
• scoprire e condividere in maniera automatica contenuti dalle vostre fonti preferite;
• monitorare le conversazioni che si sviluppano intorno ai vostri contenuti.

 

 http://www.postpickr.com

Fino al 18 marzo 2016 sarà attiva la Campagna di Crowdfunding su Eppela a sostegno del progetto PostPickr. Per saperne di più guarda il video che ho caricato sopra e contribuisci (come ho già fatto io) alla raccolta: potrai preacquistare un abbonamento a condizioni irripetibili! 

Primi passi su Facebook

L’arrivo del web nella nostra vita ci ha cambiato irreversibilmente. Esso ha amplificato e ha favorito la comunicazione di qualunque genere, sia di tipo personale che professionale. Facebook si inserisce in questa trasformazione.

 

Facebook è diventato, in brevissimo tempo, una piattaforma che ha condizionato tutti noi. Ma vediamo meglio come.

 

Su Facebook si discute, si legge, si manifesta la propri idea, si “cazz….” si condividono emozioni, informazioni, in altre parole, si comunica in maniera diretta con le persone (ma anche con i BRAND) con cui si desidera essere connessi. Non ci vuole molto a capire che mentre le persone “perdono tempo” su Facebook le loro coscienze vengono modellate verso prodotti e servizi. Facebook è un servizio gratuito per i suoi utenti ma non per le aziende.

 

 

facebook primi passi sul social

 

 

Il Social Network di Mark Zuckerberg è infatti un’azienda vera e propria, quotata in borsa dal 2012 e che ha fatturato, solo negli ultimi 4 mesi del 2013, circa 2,50 miliardi di dollari. L’utente spesso non lo sa (e neanche si pone questo dubbio) ma gli addetti ai lavori, lo sanno benissimo: per la maggior parte Facebook deve i suoi incassi alla piattaforma di social media advertising (Facebook Ads) e gli utenti iscritti sul Social non sono altro che i destinatari di tutto questo meccanismo.

 

Detto questo, possiamo affermare che: le persone (potenziali clienti) sono sui Social e le aziende non possono non esserci.

 

 

 

 

 

 

Il Blogging

Internet è affollato di occasioni per comunicare.

Social Network, forum, community e siti tematici. Tutte buone soluzioni che permettono di intercettare nuovi potenziali clienti, ma il blog aziendale, oltre ad avere le caratteristiche elencate sopra, offre la possibilità che nessuna altra alternativa presente in rete può garantire: quella di comunicare attraverso un media proprietario.

 

Continua a leggere