Il Blogging

Internet è affollato di occasioni per comunicare.

Social Network, forum, community e siti tematici. Tutte buone soluzioni che permettono di intercettare nuovi potenziali clienti, ma il blog aziendale, oltre ad avere le caratteristiche elencate sopra, offre la possibilità che nessuna altra alternativa presente in rete può garantire: quella di comunicare attraverso un media proprietario.

 

Attraverso i Social, i forum, o altri intermediari riuscirai sì a raggiungere e a coinvolgere il tuo target di riferimento, ma non sarai mai padrone della piattaforma che ti ospita e sarai limitato e condizionato nelle tue azioni.

Vi sono 4 elementi per cui vale la pena investire in un blog  e te li voglio qui elencare.

Per prima cosa si ha un controllo totale del traffico che si ha nel proprio blog. Non si prende in prestito o in affitto e non si sfrutta nessun traffico di un social di successo: il flusso di visitatori che raggiunge il tuo sito blog ti appartiene.

La seconda caratteristica da non trascurare del blog è la possibilità di controllare totalmente i dati. I dati servono per pianificare la strategia da seguire e per modificare i passi da compiere. Se non si ha la possibilità di avere tutti i dati, non si ha una visione completa della situazione reale e del traffico verso la propria piattaforma. Prima si comprende cosa il lettore cerca, prima si potrà rispondere in modo adeguato.

Se si ha un blog è il proprietario stesso del blog che fa le regole. I social o qualsiasi altro tipo di piattaforma di comunicazione hanno delle regole e chi viene ospitato si deve attenere. Sul proprio blog questo non accade.

Se si ha un blog aziendale si ha la possibilità di diventare più autorevoli. La credibilità di un qualsiasi messaggio determina la possibilità che esso venga letto e ascoltato. Quando un lettore si fida di chi scrive, non solo legge ma acconsente a fare ciò che gli si suggerisci di fare.

Possedere un proprio canale di comunicazione è il futuro a cui tutte le aziende  sono destinate. Solo seguendo questo consiglio si potrà avere un controllo sulla propria lead generation.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *